fbpx

Creatività e downshift: intervista con Simone Perotti (1° parte)

Barca a vela sulla spiaggiaSimone Perotti è una persona acuta, vivace, passionale. Dopo quasi vent’anni di lavoro come manager nel settore della comunicazione, ai vertici di aziende nazionali e internazionali, ha scelto, qualche anno fa, un drastico cambio di rotta. Ha pianificato, con lucidità e scaltrezza, un cambiamento radicale che lo ha portato, oggi, a dedicarsi interamente alle sue grandi passioni: scrivere e navigare a vela.

L’ho incontrato ad Ancona, a fine marzo, in occasione di una conferenza sul Downshift, un “diverso” approccio alla vita che prevede di “scalare una marcia”, di ridurre il tempo e le energie dedicate al lavoro, di ridimensionare il proprio stile di vita (consumare meno e meglio) per avere più tempo da dedicare  ai propri interessi, agli amici, alla famiglia e al relax.

Simone, nel suo intervento, ha presentato il suo approccio alle tematiche del cambiamento e, soprattutto, la sua esperienza di vita degli ultimi cinque anni. “Il cambiamento” – ci racconta – “fa parte dell’avventura della vita. Io ho cambiato tutto perché volevo vivere altre vite, non perché non mi piacesse la mia. Era già bella, ma adesso è meravigliosa. Mi godo il tempo, tornato lento, tornato mio. Quando morirò, che sia domani o tra chissà quanto, nessuno potrà dire che non ho vissuto tutto fino all’ultima goccia. Soprattutto, questo dubbio, questo rimpianto, non ce l’avrò io”.

Dopo la conferenza siamo stati a cena insieme e, davanti ad un gustoso piatto di pesce, abbiamo chiacchierato piacevolmente, insieme ad altri amici, di passioni, di cibo, di letture e, ovviamente, di creatività.

Simone cosa intravedi all’orizzonte per questo nuovo anno e (profezie Maya permettendo) per quelli a venire?

Credo che il sistema sia fallito. La promessa del benessere non è stata mantenuta. Ci hanno sempre detto che studiando avremmo conseguito una laurea che ci avrebbe aperto le porte del lavoro, che avremmo avuto disponibilità sempre maggiori, che avremmo potuto espandere i nostri consumi e il nostro benessere senza limiti. Ad una certa età, poi, avremmo avuto tutti una pensione che ci avrebbe consentito di vivere felici, sereni e benestanti per il resto della vita. Vedo, però, che diverse persone, le più sveglie, non credono più a questa falsa promessa, che stanno ideando e realizzando nuovi progetti. Buon per loro. Io sono uno di questi, partito per caso un po’ prima degli altri.

Dopo la crisi o il fallimento dell’attuale sistema, cosa pensi che possa accadere all’economia, alla società, al lavoro?

Come ogni cambiamento porterà sconcerto, paure, ritardi, disorganizzazione. Ma meglio faticare nella direzione di qualcosa di nuovo che schiavi in un sistema immutabile. Il sistema attuale, d’altra parte, funziona solo se ci sono enormi sacche di povertà da sfruttare. In un nuovo contesto socioeconomico basato su risparmio e sobrietà avremmo tali e tante efficienze da minori sprechi che credo potremmo vivere abbastanza per poterci riorganizzare. Che paura dovremmo avere, allora, del cambiamento? Basta smettere di sprecare in cose inessenziali e il budget della nostra vita precipita sotto i mille euro al mese. Abbondantemente sotto… I margini sono enormi. Il problema è la cultura del cambiamento, che è lenta a venire, come tutte le culture.

La creatività può essere d’aiuto per fronteggiare questa situazione?

Un tempo c’erano gli intellettuali. Pensavano, studiavano, scorgevano nuove prospettive, delineavano dei cambiamenti e li diffondevano. Penso a Italo Calvino, a Pier Paolo Pasolini e a tanti altri. Oggi, per la prima volta, non vedo più intellettuali capaci di leggere ed interpretare la complessità della realtà attuale. Da alcuni anni, per la verità, stanno mancando la loro missione storica. In questo contesto l’unica via è rimboccarsi le maniche individualmente e agire. La creatività è l’arma principale per farlo, anche se non l’unica. Un individuo che debba cavarsela ha bisogno di farsi venire delle idee. Idee concrete, che funzionino, da mettere in pratica rapidamente, anche da solo.

Queste idee, secondo te, vengono generate e realizzate in tutta “solitudine”?

Bisogna distinguere tra solitudine e isolamento. Un uomo che sta da solo, che cerca dentro di sé, non è isolato. Studia, legge, parla al telefono, va su internet. E’ tutto fuorché isolato. Mentre chi sta in mezzo agli altri è spesso solo, per di più vive nel rumore, non ha mai tempo per cercare dentro. Le cose che non capiamo a volte basta capovolgerle, per vederle.

[fine prima parte]

4 commenti su “Creatività e downshift: intervista con Simone Perotti (1° parte)

  1. Stefania

    Niente capita per caso!!! Questo articolo arriva proprio in un momento di riflessione personale sull’importanza di vivere la vita pienamente, sarebbe bello poter svolgere un lavoro che sia anche una passione, un’attitudine naturale e piacevole, ma i dubbi accompagnano i pensieri:
    Quale sono effettivamente le mie attitudini? Cosa mi viene naturale fare e mi piace particolarmente? E sopratutto potrebbe darmi la possibilità di vivere e economicamente bene? Non dico arricchirsi, ma andare avanti bene per poter sostenere anche una famiglia…

  2. Kira

    Bravo Giovanni: sempre sul pezzo e sempre spunti interessanti…
    La mia latitanza agli eventi la dice lunga sul mio downshifting;-)

    Un abbraccio, a presto rivederci!
    Kira

  3. Osvaldo Danzi

    Anche io ho incontrato Simone Perotti ad una conferenza a fine marzo ad Ancona (ma era la stessa? :)) ).
    L’impressione è che Simone sia l’iniziatore di un modello che piace molto, ma che tendenzialmente ognuno crede sia irraggiungibile. Eppure è molto più naturale quello che propone Simone rispetto a mille ore mese passate davanti al Blackberry, o a incontrare persone che non ti stimolano o a passare giornate con colleghi che non hai scelto e che ti devi sorbire per convenienza. A mio giudizio bisogna provarci; d’altra parte non c’è persona che ultimamente, di fronte ad un bichiere di bira a fine giornata non si dica insoddisfatta di come il business sia diventato sterile, di come le soddisfazioni professionali sono diminuite e di come sarebbe bello avere più tempo per sè e trasformare, magari, le passioni in lavoro.

  4. Giovanni Lucarelli Autore articolo

    @ Stefania
    Il lavoro occupa buona parte delle nostre giornate, è importante interrogarci su ciò che ci piace e, compatibilmente con la realtà che ci troviamo a vivere, desiderare di migliorare la qualità della nostra vita

    @ Kira
    Dedicare tempo a propri figli, soprattutto quando sono piccoli, è il più bell’esempio di downshift 😉

    @ Osvaldo
    La storia di Simone è solo uno dei possibili modi per cambiare in meglio la propria vita professionale e personale; concordo con te che l’importante sia provare a fare qualcosa, di piccolo o di grande, per trasformare le proprie passioni in lavoro

Rispondi a Osvaldo Danzi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *