Ti piacerebbe trovare un modo (veloce ed economico) per migliorare la tua creatività? (2ª parte)

Lavoro, buon umore, altruismo, creatività, percezione, psicologia, Il buon umore, come abbiamo visto nel post della scorsa settimana, influisce in modo positivo sulle nostre abilità creative.

Come possiamo stimolarlo ed impiegarlo per affrontare le nostre sfide?

Adam Anderson, docente di Psicologia presso l’Università di Toronto, ha svolto alcune ricerche, nel 2012, per comprendere in che modo l’umore influisca sul nostro modo di percepire e di pensare.

Anderson ha suddiviso gli studenti che hanno preso parte alla ricerca in tre gruppi e, come sperimentato da altri ricercatori, ha “influenzato” l’umore del primo con brani musicali allegri (Concerto brandeburghese di Bach), del secondo con brani neutri (lettura di dati statistici e demografici) e del terzo con motivi tristi (colonna sonora di “Alexander Nevsky” di Sergej Prokof’ev).

Ha sottoposto ad ogni gruppo, poi, due compiti cognitivi: individuare delle associazioni “remote” tra gruppi di parole e riconoscere alcun pattern ricorrenti all’interno di immagini complesse. Le persone del gruppo con umore positivo hanno avuto performance significativamente migliori rispetto agli altri due gruppi.

Anderson ha anche osservato, tramite la risonanza magnetica funzionale, che cosa accadeva nelle diverse aree del cervello, mentre gli studenti dei tre gruppi erano impegnati a svolgere i compiti assegnati.

Dalle sue riflessioni, pubblicate sul Journal of Neuroscience (“Psychophysical and Neural Evidence for Emotion-Enhanced Perceptual Vividness”), emerge chiaramente che l’umore modifica il nostro sistema di filtri nell’esperienza percettiva.

Buon umore e cattivo umore” – ha affermato Anderson – “cambiano letteralmente il modo di operare della nostra corteccia visuale e, di conseguenza, cambiano il modo in cui vediamo”.

Quando siamo di buon umore, quindi, la corteccia capta più informazioni, sperimentiamo un “allargamento” del campo attentivo e questo contribuisce a migliorare la flessibilità cognitiva e le performance creative.

Come possiamo favorire, allora, un umore positivo quando abbiamo bisogno di attivare la nostra creatività?

Ecco qualche suggerimento utile:

MUSICA
Ascoltare un paio di brani musicali, meglio se di musica classica, è uno dei modi più veloci ed efficaci per migliorare il nostro umore. La musica aiuta la mente a distaccarsi dalla frenesia quotidiana, a rilassarsi, a trovare maggiore tranquillità ed equilibrio.

FUMETTI
Le vignette, o meglio ancora, le strisce di fumetti riescono a “fotografare”, in poche battute, situazioni comuni e a “distillare” vere e proprie perle di umorismo. Trova quelle che ti ispirano di più e tienile a portata di mano (o a portata di click). Io trovo irresistibili, fin da quando ero ragazzino, Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy e gli altri personaggi nati dalla vivace mano di Charles Schulz.

CIBO
Il cibo è un ottimo carburante per la mente: alcuni alimenti, particolarmente ricchi di vitamine e sali minerali (come il potassio, magnesio, zinco, ecc.), favoriscono il buon umore. Nelle pause durante il tuo lavoro prova a mangiare frutta secca (mandorle, noci, arachidi, ecc.), miele, cereali, frutta fresca (banane, kiwi, ecc.) e, di tanto in tanto, un po’ di cioccolato fondente. Molti di questi alimenti, accompagnati da una moderata attività fisica, stimolano la produzione di endorfine e serotonina.

AMICI
Scambiare quattro chiacchiere con colleghi e amici, magari davanti ad una buona tazza di tè o di caffè, è un’occasione per distrarsi e divertirsi. Avevamo parlato nel post “Non riesci a risolvere una sfida creativa? Bevi una birra con altri due amici …” anche degli effetti “benefici” di un bicchiere di birra sulle nostre abilità di pensiero divergente. Se riesci ad individuare colleghi simpatici, o amici con cui condividere la pausa pranzo, basta cominciare con qualche battuta o barzelletta e … il divertentimento è assicurato.

VIDEO
La rete è piena, tra le tante cose (più o meno utili), di video divertenti. Non dovrebbe essere difficile trovare sketch, sit-com e altri materiali umoristici. Il divertimento, tra l’altro, è uno degli elementi chiave dei video “virali” che si diffondono velocemente sui social media. Comincia a creare un tuo archivio di video esilaranti da guardare ogni tanto o da utilizzare all’occorrenza.

ALTRUISMO
Hai fatto caso che quando siamo di buon umore tendiamo ad essere più disponibili ed altruisti? Il comportamento pro sociale (come dicono quelli bravi) è contagioso e tende ad instaurare dei circoli virtuosi. Prova a sorprendere i tuoi colleghi portando una torta o dei biscotti alla prossima riunione, oppure a dai una mano ad un collega che si trova in difficoltà: ti aiuterà a sentirti meglio.

La prossima volta che ti trovi di fronte ad una sfida creativa, prova a ritagliarti un paio di minuti per stimolare, con qualcuno di questi suggerimenti, il tuo buon umore: le tue abilità creative ne trarranno beneficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *