Anno nuovo: mente (più) attiva e divergente

pensiero laterale, pensiero divergente, Giochi creativi, enigmi,I consigli che riceviamo all’inizio di un nuovo anno sono sempre gli stessi: fare attività fisica, bere molta acqua, mangiare (o fumare) meno, lavorare con moderazione, ecc.

Per questo gennaio 2018, invece, vorrei proporti qualche gioco per attivare la tua mente e stimolare le tue abilità creative.

Ho raccolto alcuni esercizi di pensiero divergente, che richiedono un po’ di attenzione e una buona capacità di superare la soluzione più ovvia e … pensare fuori dagli schemi. 

Ti va? Allora prendi carta e penna e cominciamo.

Fai divergere il tuo pensiero

Questo tipo di quesiti prevede una soluzione “unica” (anche se, probabilmente, te ne verranno in mente diverse); leggi le seguenti descrizioni e, per ognuna, annota la risposta che ritieni più adatta.

1. Un lavavetri sta pulendo le finestre del 25° piano di un grattacielo, quando scivola e cade. Non indossa una cintura di sicurezza e nulla rallenta la sua caduta, eppure non ha riportato ferite. Come mai?

2. Ti trovi da solo in una casa deserta di notte e hai bisogno di luce. Hai un solo fiammifero e, davanti a te, ci sono una lampada ad olio, una candela e un pezzo di legno: quale accenderesti prima?

3. La madre di Marco ha 3 figli: uno si chiama Primo, uno si chiama Secondo. Qual è il terzo nome?

4. Che cosa puoi mettere in una scatola di legno per renderla più leggera? Più ne metti e più diventa leggera, anche se la scatola rimane vuota.

5. Devi uscire da una casa e davanti a te ci sono tre porte (che rappresentano l’unica via di uscita):
– la prima è piena di fiamme e oggetti roventi;
– la seconda è infestata da tigri affamate (che non mangiano da due anni);
 – la terza è piena di terroristi, con mitragliatrici cariche, che sparano a chiunque si avvicina.
Quale porta sceglieresti, per essere (abbastanza) sicuro di sopravvivere?

6. Indica tre giorni consecutivi, in italiano, senza usare le parole “martedì”, “giovedì” o “sabato”.

7. Quanti solchi ci sono su un vecchio disco LP?

8. Un uomo è stato spinto fuori da un piccolo aeroplano, senza paracadute, ma è sopravvissuto senza ferite (a parte qualche livido). Com’è stato possibile?

9. Usando un solo taglio dritto, come puoi tagliare una torta rettangolare in due parti uguali, anche se ne è già stato tolto un pezzo rettangolare?

10. Come puoi lanciare una palla, il più forte possibile, e farla fermare e tornare da te, senza che colpisca niente e senza che sia legata a nulla?

 

Fai volare la tua immaginazione

Per ognuna di queste affermazioni esistono diverse possibili “risposte” in grado di risolvere “l’indovinello”. Divertiti a scrivere, per ogni affermazione, quattro o cinque soluzioni.

A. Non posso essere utilizzato a meno che non sia rotto: cosa sono?

B. Divoro tutto: uccelli, animali, alberi e fiori, uccido grandi re e rovino le città, ho sconfitto le montagne più alte. Fino a quando non sono misurato, non sono conosciuto, quando non ci sono più, ti manco

C. Puoi prendermi, ma non puoi buttarmi via, anche se non sono affatto piacevole

E. Ho dei buchi nella parte superiore e in quella inferiore, nella parte sinistra, nella parte destra e nella parte centrale. Ma continuo a trattenere l’acqua. Cosa sono?

F. Nascondo la maggior parte di me e sono più leggero della sostanza di cui sono fatto. Cosa sono?

G. La mia vita può essere misurata in ore e servo per essere divorata. Se sottile, sono veloce, se grassa, sono lenta. Il vento è il mio nemico.

 

Allora, come sono andati questi esercizi? Sei riuscito/a ad attivare il tuo pensiero divergente?

Le soluzioni saranno disponibili, dalla prossima settimana, su questa pagina

 

2 commenti su “Anno nuovo: mente (più) attiva e divergente

    1. Giovanni Lucarelli Autore dell'articolo

      Ti capisco, Gabriele, il quesito sulla torta è uno dei più “dibattuti” 😉

      Non è molto chiara la forma che assume la torta (potrebbe diventare un quadrato, oppure rettangolo senza uno “spigolo”) la soluzione, comunque, sembra funzionare “sufficientemente” bene 😉

      Grazie per esserti messo alla prova e per aver stimolato il tuo pensiero creativo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *