fbpx

Qual è il tuo super potere creativo? (2ª parte)

Continuiamo con l’esplorazione delle cinque “tipologie” di persone creative individuate da Annette Moser-Wellman .

Il Folle: il potere di celebrare la debolezza

Il Folle usa tre abilità correlate per trovare nuove idee: sovvertire le consuetudini, vedere un senso nell’assurdità e perseverare a lungo. Si diverte a superare le regole e a pensare fuori dagli schemi, sperimenta nuovi approcci e nuove modalità senza arrendersi di fronte alle avversità. È consapevole che la casualità può essere una preziosa fonte di idee.

Il chimico Roy Plunkett, nell’aprile del 1938, stava cercando di produrre un fluido refrigerante (simile al Freon) nei laboratori della DuPont in New Jersey. Aveva lasciato un contenitore pressurizzato, contenente il tetrafluoroetilene (TFE), per tutta la notte nel ghiaccio secco. La mattina successiva, però, quando aveva aperto la valvola non era uscito alcun gas, come se il contenitore fosse vuoto, eppure pesava molto. Incuriosito, Roy osservò l’interno e trovò una sostanza solida e biancastra simile a cera. Anziché buttare via tutto, Plunkett e il suo assistente hanno analizzato la sostanza scoprendo che era dotata di proprietà uniche: molto scivolosa, resistente al calore e inerte agli agenti chimici. Il politetrafluoroetilene, usato inizialmente per scopi bellici, è stato successivamente commercializzato, con il nome di Teflon, e impiegato per isolare i cavi elettrici, per realizzare tessuti antimacchia e antisporco e per ricoprire le pentole con uno strato antiaderente.

Nel mondo dell’arte, fino alla prima metà dell’ ‘800, i pittori tendevano ad osservare la natura e a riprodurne fedelmente i paesaggi. Monet, Manet e Renior hanno sovvertito questa convenzione. Hanno cominciato a dare maggior rilievo al colore, invece che alla forma, e a rappresentare sulla tela le sensazioni e le percezioni visive che il paesaggio comunicava loro. La mancanza di realismo, che alcuni consideravano una “debolezza” nella pittura, è diventata uno degli elementi peculiari del movimento impressionista.

Anche Sam Walton, fondatore di Walmart (la più grande catena di supermercati), si è divertito a “rivoluzionare” le regole della vendita al dettaglio. Invece di seguire la convenzione di scegliere, per prima cosa, la posizione del negozio al dettaglio, ha preferito selezionare la posizione del magazzino. Questo gli ha consentito una distribuzione, agevole e a basso costo, dei prodotti e un’innovazione nell’ambito del discount.

Come sviluppare la tua abilità di pensare fuori dagli schemi?

– Domandati: “Che cos’è che non è mai stato fatto, in precedenza, nel lancio di un nostro prodotto o servizio” e annota le soluzioni più divergenti e promettenti.

– Elenca un paio di “regole” che sono considerate “sacre” nella tua azienda (o nel tuo ambito) e divertiti a trovare modi creativi per superarle.

 

Il Saggio: il potere della semplificazione

Il Saggio ha la capacità di guardare all’essenziale e di semplificare le situazioni complesse. Di fronte ad una nuova idea o a un nuovo progetto si domanda: “Qual è il cuore del problema?”. L’abilità di andare al nocciolo della questione consente al Saggio di individuare e selezionare idee più stimolanti. La capacità di semplificare permette anche al Saggio di costruire e “narrare” storie (personali o aziendali) in grado di appassionare e di ispirare.

Ernest Hemingway, Premio Pulitzer nel 1953 (per Il vecchio e il mare) e Premio Nobel per la letteratura nel 1954, è stato uno dei più grandi romanzieri (non solo del ‘900). Il suo stile era caratterizzato dall’essenzialità e dall’asciuttezza del linguaggio, dall’uso di frasi brevi e di strutture semplici. La sua genialità è stata la capacità di comunicare, con poche parole, un intero mondo e di raccontare storie ed avventure in modo semplice e, al tempo stesso, profondo.

La General Electric Healthcare, leader nella fornitura di soluzioni per la cura della salute, aveva l’esigenza di realizzare un elettrocardiografo portatile. Ha incaricato un team di ingegneri di modificare il modello esistente, molto ingombrante e piuttosto pesante (circa sette chili), per “ridurlo” all’essenziale. Il team ha ridotto il pannello dei comandi a quattro pulsanti, ha sostituito la stampante con un modello più piccolo, ha reso possibile l’alimentazione a batteria in modo da renderlo più leggero (1,3 chili) e facilmente trasportabile all’interno di un piccolo zaino. Questa “semplificazione” del dispositivo ha reso possibile eseguire un elettrocardiogramma al costo di un solo dollaro a persona.

Come sviluppare la tua abilità di semplificazione?

– Quando ti trovi ad affrontare una sfida, domandati: “Qual è il nocciolo della questione?” e cerca di focalizzare la tua attenzione solo su questi (pochi) elementi.

– Quando devi preparare un discorso (o una presentazione), annota gli aspetti essenziali e cerca di ridurli finché non arrivi all’essenziale.

Bene, mi auguro che questi suggerimenti possano aiutarti a far “brillare” le tue abilità creative, nella tua vita personale e professionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *